olio esausto

Olio esausto? Come trasformarlo in candele o sapone

Scopriamo come recuperare l’olio esausto con semplicità attraverso due differenti ricette per creare delle candele e un sapone adatto alla pulizia della casa e dei panni.

L’olio esausto se gettato nel lavello inquina. Per smaltirlo correttamente occorre metterlo da parte e portarlo in un centro di smaltimento rifiuti.

Ma se preferite dargli nuova vita, ecco due idee:

1. Candele

2. Sapone

1. Come realizzare delle candele con l’olio esausto

Occorrente:

– Un contenitore in vetro

– Stoppino

– Olio esausto filtrato

– Qualche goccia di uno o più oli essenziali a piacere (limone, menta, rosa, sandalo, cannella e arancia o lavanda e eucalipto ad esempio)

Se vogliamo realizzare uno stoppino in casa ci serviranno:

Filo di cotone (100% cotone)

Forbici per tagliare il filo

Fil di ferro o carta stagnola per creare la base per lo stoppino e delle bacchette in legno (o una molletta o dei bastoncini in legno, quelli che si usano per fare gli spiedini) per tenere dritta l’altra estremità del filo di cotone, una volta riposto all’interno del vasetto di vetro

Una volta recuperato tutto quel che occorre, cominciamo!

Procedimento

Filtriamo l’olio esausto.

Per farlo ci procuriamo una ciotola, un colino e un canovaccio bianco pulito. Riponiamo il colino sulla ciotola e adagiamo il canovaccio sul colino. A questo punto filtriamo l’olio facendolo colare sul canovaccio e quindi lo raccogliamo all’interno della ciotola.

Prepariamo lo stoppino tagliando un pezzo di filo di cotone sufficientemente lungo (4 cm in più rispetto all’altezza del vasetto in vetro scelto). Ricopriamo una delle due estremità con un quadratino di carta stagnola o del fil di ferro, in modo da creare una base rotonda stabile. Inseriamo questa estremità all’interno del vasetto di vetro.

Fissiamo l’altra estremità avvolgendola su un bastoncino di legno, che porremo sui bordi del contenitore, in modo che l’estremità rimanga ferma. A questo punto mescoliamo l’olio filtrato con qualche goccia di un olio essenziale a piacere e versiamo il tutto nel vasetto. Cominciamo con poche gocce di olio essenziale e usiamo il naso per regolarci.

La candela è pronta!

2. Come realizzare del sapone per le pulizie con l’olio esausto

Occorrente:

– 1000 g di olio esausto filtrato (di arachidi, girasole, oliva, mais o misto)

– 136 g di soda caustica (è una sostanza pericolosa e corrosiva, maneggiatela con cura)

– 300 g di acqua demineralizzata

E ancora:

– Frullatore ad immersione

– Due contenitori termoresistenti in acciaio, plastica o pirex

– Termometro da cucina

– Qualche cucchiaio in acciaio o legno o spatole in silicone

– Guanti, mascherina, occhiali protettivi, vestiti vecchi che coprano le braccia e scarpe chiuse

Procedimento

Il nostro risultato

Anche in questo caso l’olio va filtrato. Quindi utilizziamo lo stesso procedimento descritto sopra.

Indossiamo tutti i dispositivi di protezione e pesiamo tutti gli ingredienti.

Aggiungiamo la soda caustica all’acqua (MAI il contrario mi raccomando se non volete una reazione esplosiva), mescoliamo e aspettiamo che la temperatura scenda fino a 45°C.

Versiamo la soluzione di soda caustica nell’olio, mai il contrario.

Mescoliamo e frulliamo con il frullatore ad immersione fino alla fase di nastro che si avrà quando sollevando il frullatore il sapone che ricade su se stesso lascia traccia sulla superficie, un po’ come se scrivesse.

A questo punto versiamo il sapone in un contenitore termoresistente in silicone alimentare (è possibile utilizzare anche i contenitori in tetrapack o rivestire con della carta da forno dei recipienti in plastica. La carta da forno in questo caso servirà a facilitarne l’estrazione).

Copriamo il sapone con un coperchio sopra cui andremo ad adagiare una coperta di lana o un asciugamano.

Dopo 48-72 ore possiamo tagliare il sapone e lasciarlo stagione per almeno 40 giorni preferibilmente in una scatola di cartone.

Possiamo utilizzare questo sapone per pretrattare le macchie, per lavare i capi a mano, per creare dei detersivi multiuso o per preparare l’antiparassitario per le piante.

Enjoy 🙂

Se ti è piaciuto l’articolo e vuoi ritrovarlo aggiungilo al tuo Pinterest:

Bibliografia

GreenMe

Olio Ramella

Wikihow

Saponi e Cosmetici fai da te di Tatiana Maselli

Photo by Chelsea shapouri on Unsplash

Photo by Kelly Sikkema on Unsplash

Photo by Roberta Sorge on Unsplash

come recuperare olio esausto, come smaltire olio esausto, sapone con olio riciclato

Privacy Policy Cookie Policy
Puoi pagare con carta di credito o con il tuo account Paypal.
LUCY IN THE BOX DI CHIARA INTERLANDI 
VIA SANTA MARIA 13 - CARRARA MS 54033 - P.IVA 01410280455 - EMAIL: INFO@LUCYINTHEBOX.COM - TEL: +3905851886755
 ALL RIGHTS RESERVED 2020
Mini Cart0

Il carrello è vuoto