• Coming Soon...

Il Blog di Lucy

E’ la Costa Rica il modello da imitare per uno sviluppo nazionale sostenibile

La Costa Rica, un piccolissimo stato nel mezzo delle Americhe, da decenni prova a rispondere con successo agli interrogativi che le società industrializzate cominciano a porsi solo adesso.

Può lo sviluppo della nazione coincidere con la protezione dell’ambiente in tutte le sue multiple sfaccettature?

#WorldLab

La Costa Rica non sceglie tra sviluppo e sostenibilità. Fa entrambe le cose.

Il suo popolo si fa portavoce di un modello di sviluppo più centrato sul benessere dell’uomo piuttosto che sullo sviluppo ad ogni costo. E osservandolo da lontano ci induce a chiederci come, se potessimo scegliere liberamente, vorremmo che fosse progettato lo spazio in cui viviamo.

Possiamo accettare che la corsa allo sviluppo ci privi della possibilità di respirare aria pulita o di vivere in spazi verdi e naturalmente belli?

Che tipo di vita siamo disposti ad accettare? Vogliamo rassegnarci a vivere in ambienti inquinati al grido dello sviluppo ad ogni costo?

Le tappe

-Abolizione dell’esercito

-Investimenti per generare energia elettrica rinnovabile

-Riforestazione

-Paese libero dai combustibili fossili entro il 2050

Come spiega Monica Araya nel suo TED la Costa Rica non è frutto di casualità, ma di scelte consapevoli.

Esercito

Nel 1948 al termine di una guerra civile la nazione decise di abolire l’esercito e l’anno successivo la decisione fu inserita nella costituzione.

Questo atto liberò i fondi destinati a coprire le spese militari e alla difesa. Si decise di investirli per creare benessere e stabilità, per questo l’educazione e la sanità divennero gratuite e accessibili a tutti.

Energia pulita e Riforestazione

Negli anni ’50 la Costa Rica decise di investire nella costruzione di centrali idroelettriche, mentre negli anni ’70 decise di farsi carico della gestione e del mantenimento dei parchi nazionali. Già negli anni ’90 la nazione affrontò e risolse i problemi legati alla deforestazione, finanziando gli agricoltori per piantumare alberi. Molti furono i benefici.

Vantaggi della riforestazione

La presenza di alberi, infatti, attira la vita selvaggia e crea un habitat idoneo a numerose specie di uccelli. La presenza di queste specie abbassa la percentuale di insetti infestanti e questo si traduce in un minor uso di insetticidi. Gli alberi dunque migliorarono la qualità dell’acqua e dell’aria, bloccarono i processi di erosione delle terre e la desertificazione. Inoltre la riforestazione aprì le porte a un altro tipo di attività, l’ecoturismo, oggi un settore molto florido.

Attualmente poco più del 52% del suolo della nazione è ricoperto da foreste.

Situazione attuale e Abolizione dei combustibili fossili entro il 2050

Quasi il 100% dell’elettricità della Costa Rica proviene da fonte rinnovabile: energia idrica principalmente, ma anche geotermica, eolica e solare. Questo vuol dire che quando un costaricano prepara il caffè o si asciuga i capelli non produce CO2.

Sebbene questo sia un traguardo molto lontano per qualsiasi nazione al mondo, negli ultimi anni i costaricani hanno rivolto la loro attenzione al settore dei trasporti che dipende interamente dai combustibili fossili ed è responsabile di buona parte delle emissioni di gas serra del paese.

Per questo hanno pianificato le tappe che porteranno la nazione a liberarsi dai combustibili fossili entro il 2050. Vogliono investire sul trasporto pubblico alimentato da energia elettrica e ridurre fino ad azzerare il numero di auto tradizionali sostituendole con vetture elettriche.

Bibliografia

Terra Nuova

LifeGate

Rinnovabili

TED

YouTube

Arcgis

Photo by Berti Benbanaste on Unsplash

LOVE IT. SHARE IT.

costa rica ecoturismo, costa rica energia, costa rica riforestazione, costa rica trasporto sostenibile, costa rica zero emissioni

Be Kind,
Be Creative,
Be Beautiful.

Lucy In The Box -  All rights Reserved 2018 Privacy Policy Cookie Policy